Storia

HOME > Storia

Storia


L’Editrice La Scuola nacque a Brescia nel maggio del 1904 per opera, fra gli altri, di Giorgio Montini, Luigi Bazoli, Nicolò Rezzara, Angelo Zammarchi, con lo scopo di sostenere e promuovere la rivista magistrale Scuola Italiana Moderna, la più antica pubblicazione scolastica italiana fondata da Giuseppe Tovini nell’aprile del 1893.
Animata sin dall’inizio dall’ideale cristiano per l’educazione e per la scuola, promosso con viva attenzione ai problemi più ampi della società, l’attività dell’editrice si sviluppò presto con la nascita di nuove riviste, delle quali Scuola Materna - fondata nel 1913 – e il Supplemento Pedagogico - fondato nel 1933, per poi assumere la denominazione attuale di Pedagogia e Vita - continuano ancora oggi le pubblicazioni.
Sin dalla sua fondazione, avvenuta nel 1921, l’Università Cattolica del Sacro Cuore strinse un saldo rapporto di collaborazione con l’Editrice La Scuola, favorito dalla medesima matrice culturale e dalla fraterna amicizia che legava padre Agostino Gemelli con Angelo Zammarchi: l’apertura della sede bresciana dell’Università Cattolica fu un capitolo importante di questa comunione d’intenti.

Sul finire della seconda guerra mondiale, il 4 marzo del 1945 un grave bombardamento aereo mise in serio pericolo il futuro dell’azienda, che riprese però l’attività con rinnovato slancio.
Ai testi scolastici inizialmente rivolti alla scuola elementare, furono via via affiancati quelli per la scuola secondaria, per i corsi universitari e “materiali” per la scuola materna; nel campo della produzione culturale si avviarono numerosissime collane di filosofia, di pedagogia, di metodologia e didattica, di psicologia, di letteratura italiana e straniera, di letteratura per ragazzi. Recenti e indicative produzioni editoriali sono costituite da: l’Enciclopedia Pedagogica, in 7 volumi e 3500 voci onomastiche; gli Annali di storia dell’educazione e delle istituzioni scolastiche, curati da un nutrito gruppo di storici dell’educazione; i 12 corposi volumi sulla Storia religiosa della Lombardia, pubblicati in collaborazione con la Fondazione Ambrosiana “Paolo VI”, che documentano sin dalle origini le vicende delle diocesi lombarde.

Nel corso degli anni sono nate nuove riviste professionali, che tutt’oggi rappresentano un punto di riferimento imprescindibile per docenti e formatori: nel 1955 Scuola e Didattica, quindicinale di problemi e orientamenti per la scuola media; nel 1962 Animazione e Espressione-Tempo Sereno, bimestrale per insegnanti, animatori scolastici e socioculturali; nel 1965 Didattica delle Scienze e Informatica nella scuola, bimestrale per l’insegnamento delle scienze, della matematica e dell’informatica; nel 1966 La Famiglia, bimestrale di problemi familiari; nel 1980 Professionalità, bimestrale di cultura e innovazione per la formazione al lavoro; nel 1981 Dirigenti Scuola, mensile di cultura professionale per la dirigenza scolastica; nel 1983 Nuova Secondaria, mensile di cultura , orientamenti educativi e problemi didattico istituzionali per la scuola secondaria superiore.
Numerose e rilevanti le figure dei pedagogisti che hanno animato la redazione nel corso degli anni: tra gli altri, Marco Agosti, Mario Casotti, don Peppino Tedeschi, Aldo Agazzi e Vittorino Chizzolini, che fu per decenni la guida morale e spirituale dell’Editrice La Scuola.




Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).