news

HOME > NEWS

891
  14  Secondaria 2° grado   16  Secondaria 2° grado - Approfondimenti  

Programmazione annuale. Storia nel triennio (secondo biennio e ultimo anno)

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Spazio docente - insegnare storia

La storia è una narrazione in divenire che cambia con il cambiare delle prospettive: diversi approcci storiografici saranno in grado di delineare altrettanti itinerari di lettura dell’età moderna, in un’ottica tanto europea quanto integrata.


Nei tre secoli di quella che si definisce convenzionalmente “storia moderna” ebbero le loro premesse o la loro prima fioritura non pochi tratti del mondo presente. Il pensiero andrà subito ai prodotti agricoli importati dall’Asia e dall’America, che fra il XVII e il XVIII secolo rivoluzionarono i consumi alimentari europei: il tè, il caffè, il tabacco, il cacao, la patata, il mais, il pomodoro. Ma passerà altrettanto rapidamente al metodo scientifico sperimentale elaborato in Europa da una comunità transnazionale di naturalisti, matematici, astronomi, fisici e applicato entro la fine del periodo a numerose altre discipline. Nell’ambito dei saperi teorici, si possono menzionare ancora per lo meno l’antropologia, che mosse i primi passai con il primo colonialismo, e la statistica, la nuova scienza dello Stato.

Le eredità dell’era moderna

Quanto alle tecniche, nell’età moderna furono perfezionate e diffuse molte invenzioni medievali o rielaborate soluzioni importate da culture extraeuropee, in particolare asiatiche. Basti considerare il libro e il periodico stampati con caratteri mobili, l’orologio meccanico, il clavicembalo, le armi da fuoco, da cui una vera e propria rivoluzione dell’arte militare, gli altiforni per la metallurgia, che trionfarono fra il XV e il XVI secolo. Novità assolute furono invece il cannocchiale, il microscopio ottico, il termometro e il barometro, il pianoforte, la tavoletta pretoriana, la variegata meccanica industriale, gli strumenti della navigazione transoceanica.

Sotto il profilo culturale, la letteratura vide il decollo del romanzo in prosa, la musica la codificazione della sinfonia e del concerto, il teatro la nascita del melodramma. L’organizzazione sociale deve all’età moderna la diffusione, sia pure non uniforme, della famiglia nucleare affettiva, le prime esperienze di scuola primaria obbligatoria e gratuita, le forme della convivialità urbana dei caffè, dei club, dei salotti, i modelli di convivenza civile basati sul controllo delle pulsioni.

Sono eredità della stessa epoca alcune grandi idee politiche, come quella del pluralismo confessionale, della libertà di coscienza, dell’opinione pubblica, della cittadinanza nazionale, dell’uguaglianza, dei diritti soggettivi, della proprietà come dominio assoluto dell’individuo sulle cose, della costituzione come norma giuridica fondamentale e del codice come paradigma legislativo. La statualità moderna, che oggi persiste nonostante le grandi trasformazioni in atto a livello planetario, assume alcuni suoi profili durevoli fra la seconda metà del Seicento e le rivoluzioni politiche di fine Settecento: istituzioni rappresentative con poteri sovrani, fiscalità e pubblica amministrazione, polizia e grandi eserciti di fanti. 
 

[...]

Simona Mori

***

DA NS 1, Settembre 2015

>> CONTINUA A LEGGERE >>


Vuoi ricevere altri spunti didattici selezionati dalla nostra redazione per te?
Aderisci al progetto "INSEGNARE STORIA"

Modulo di adesione

Se vuoi condividere questa iniziativa gratuita con i colleghi, invitali a compilare il modulo di adesione.

 







1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).