news

HOME > NEWS

890
  14  Secondaria 2° grado   16  Secondaria 2° grado - Approfondimenti  

Programmazione annuale. Storia nel primo biennio

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Spazio docente - insegnare storia

Una guida per aiutare il docente a far fronte ai problemi sorti con la riorganizzazione dei programmi di storia nel primo biennio: come prepararsi in modo adeguato senza sacrificare la didattica e rispettano i tempi.


L'insegnamento della storia nel biennio risulta spesso penalizzato da questioni come la formazione non specifica dei docenti nel campo della storia antica (soprattutto fuori dall’ambito del liceo classico) e come la subordinazione alle materie letterarie (nelle scuole di ogni ordinamento). Un’ulteriore penalizzazione è stata apportata dall’accorpamento con la geografia e dal conseguente ridimensionamento del quadro orario a disposizione (benché in sé tale accorpamento non sia affatto privo di fondamenti epistemologici). Il notevole aumento della quantità di saperi e la necessità di distribuirli in modo più efficace ha poi costretto a comprimere in due anni un programma di storia che va dal Vicino oriente antico all’XI secolo d.C. (le conseguenze sono state particolarmente negative per la storia medievale, che oggi risulta enormemente sacrificata) e che deve comprendere anche le civiltà extraeuropee e l’educazione alla cittadinanza: tutte cose opportune nell’ottica di un consapevole inserimento dello studente nel contesto socio-politico in cui vive e di uno sguardo storico che tenga conto della globalizzazione e della crisi dell’eurocentrismo, ma che appesantiscono ulteriormente un programma già molto nutrito.

Forse, però, il problema più grave è di carattere culturale ed è costituito dalla scarsa percezione del valore formativo della storia come disciplina, che consiste a mio parere, per dirlo molto sinteticamente, da una parte nella maturazione della consapevolezza del proprio passato, dall’altra nell’acquisizione, attraverso il processo di indagine e di ricostruzione, di una ben formata attitudine critica. Questa scarsa percezione – che è della società, delle famiglie, talvolta delle stesse istituzioni educative, dalla scuola all’università – si riflette sulla generale difficoltà degli studenti a “pensare storicamente”. È facile notare come oggi gli studenti non abbiano strumenti sufficienti per incontrare, comprendere adeguatamente e valutare criticamente le esperienze che si collocano in un tempo diverso dal loro: appiattiti sulla contemporaneità, non hanno consapevolezza del percorso storico che ha condotto all’esperienza sociale e politica in cui sono immersi, non sanno guardarla con distacco critico, tendono ad assolutizzarla e a valutare tutto con la lente deformante del presente (un esempio: Pericle ha voluto la guerra del Peloponneso, quindi non era un democratico; ma nell’antichità sono proprio i democratici a essere bellicisti…). Penalizzata dalla crescente marginalizzazione nei percorsi di formazione, la storia è un insieme confuso di eventi e di personaggi, dove non si riconosce uno sviluppo organico sulla base del rapporto di causa/effetto né un’organizzazione cronologica, e dal quale non è possibile attingere né gli strumenti per leggere e interpretare il presente (operazione per cui la conoscenza del passato, nei suoi vari aspetti, svolge un ruolo imprescindibile), né alcuna consapevolezza identitaria.

Quanto alle conoscenze geografiche, alla maggiore consapevolezza su temi di geografia umana e ambientale (le forme di insediamento, il riscaldamento globale, le energie rinnovabili…) fa riscontro la grave perdita di competenze in ambito di geografia fisica: non si sa più collocare un fiume, una montagna, una città, un gruppo linguistico, e lo spazio come teatro della storia e più in generale dell’esperienza umana diviene sempre più vago e indeterminato. Mi sembra dunque molto urgente mettere in atto un buon consolidamento delle conoscenze storico-geografiche: la loro insufficienza, infatti, porta con sé un’estrema difficoltà di contestualizzazione spazio-temporale che inficia la capacità di comprendere adeguatamente qualsiasi problematica culturale. Ma come intervenire su questa situazione, mettendo insieme esigenze diverse: interessare gli studenti mantenendo lo spessore epistemologico alla disciplina, svolgere il programma in modo adeguato e rispettare tempi inevitabilmente limitati?

[...]

Cinzia Bearzot

***

da NS 1, Settembre 2015

>> CONTINUA A LEGGERE >>
 


Vuoi ricevere altri spunti didattici selezionati dalla nostra redazione per te?
Aderisci al progetto "INSEGNARE STORIA"

Modulo di adesione

Se vuoi condividere questa iniziativa gratuita con i colleghi, invitali a compilare il modulo di adesione.

 







1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).