news

HOME > NEWS

831
  14  Secondaria 2° grado   16  Secondaria 2° grado - Approfondimenti  

Insegnare la religione, oggi, oltre le dispute laicismo/confessionalismo

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Spazio docente - Insegnare Religione

È uno degli effetti della secolarizzazione del sapere: il canone letterario, filosofico e morale della tradizione occidentale sta tramontando. Per canone si intende una costellazione di classici che ha avuto una lunga continuità nella sua trasmissione, e rispetto a cui, in una dialettica di autorità-libertà, l’individuo si formava una propria interpretazione. Un'interpretazione che si riconosceva all'interno di una pur conflittuale storia comune, e attraverso la quale una persona diventava libera: si orientava nel mondo autonomamente.

E nel presente? Quella che si chiama età post-moderna segna il tramonto del carattere normativo del canone.

Ogni testo, presente sulla rete internet, ha lo stesso valore dell'altro, quale ne sia l’origine.
Addirittura, ognuno può costruire da sé un «ipertesto», con un rimando infinito fino all'indeterminatezza. Ne sortisce una libertà apparentemente illimitata: in realtà, forte è il rischio di un assemblaggio arbitrario di testi, poiché manca il confronto con un’autorità che ne legittimi la correttezza filologica e storica. In luogo di una persona libera abbiamo un navigatore irretito nella babele della rete. Non un individuo, ma un «dividuum»: non una persona, ma un pulviscolo di contatti.

È in questo spazio che è opportuno porre la domanda sullo statuto dell'insegnamento della religione. Uno statuto paradossale: si fonda su un testo costitutivo del canone occidentale, la Bibbia. Ma  poiché sta venendo meno la funzione del canone, è come se quest'insegnamento poggiasse su un fondamento non più riconosciuto come tale. Al punto che non è improprio definire l’insegnante di religione un «luogotenente della memoria»: sentinella delle tracce di un Libro che sta diventando irriconoscibile, nonostante abbia letteralmente formato le nostre identità  teologiche, filosofiche e artistiche. Con un ulteriore paradosso: quale significato può avere questo lavoro di rimemorazione quando riconosciute come legittime sono solo le discipline scientifiche? Questo pensa il senso comune. Tuttavia, cosa è scientifico?

Per Karl Popper, scientifico è ciò che segue la procedura: problemi, ipotesi, critica. Mi imbatto in un rompicapo intellettuale, avanzo ipotesi a partire o in discontinuità con le conoscenze precedenti, sottopongo a critica queste ipotesi, in un conflitto di idee che faccia avanzare la conoscenza. Scientifico è quanto è potenzialmente falsificabile, confutabile.
Dal canto suo l’insegnante di religione nell’interpretare la Bibbia attua un circolo ermeneutico;  di fronte  a un testo che pone problemi interpretativi, avanzo ipotesi a partire da una pre-comprensione, da una tradizione: propongo letture che reggano l’urto del testo e ne svelino inaspettati significati. Ma, e qui sta il lato inaspettato del paradosso, non v'è una affinità procedurale tra il circolo ermeneutico e il falsificazionismo? Una affinità riconosciuta da Hans Georg Gadamer, uno dei padri dell'ermeneutica contemporanea, e dallo stesso Popper, e su cui in Italia ha insistito, in studi pionieristici, Dario Antiseri (cfr., da ultimo, Dalla parte degli insegnanti, ed. La Scuola).  
Dalla parte degli insegnanti - Dario Antiseri
Ermeneutica e falsificazionismo sono nomi diversi di uno stesso metodo. L’insegnante di religione, quindi, cimentandosi in un esercizio ermeneutico di un passo biblico fa un esperimento scientifico! In quanto «luogotenente della memoria», oltre a tener vivo il filo di una tradizione, rende conto di uno dei modi in cui si declina il metodo scientifico. Può confutare le idolatrie della lettura dei testi religiosi e delle assolutizzazioni ingenue della scienza.
 
È un disvelarsi della legittimazione epistemologica dell’insegnamento della religione che potrebbe aiutare a togliere la discussione sull’ora di religione dalla contrapposizione confessionalismo/laicismo, riconoscendo in essa, come suggeriva Alberto Caracciolo, un’ora dove è in gioco la memoria di  quanto fino ad ora abbiamo chiamato l’umano. E dove, nel tempo del pluralismo religioso ed etnico, s'impara l'arte della tolleranza e della carità ermeneutica. Ogni nostra interpretazione è sempre congetturale, anche perché falsificazionismo ed ermeneutica si riconoscono nelle parole di Lessing: "Se Dio tenesse nella sua destra ogni verità e nella sua sinistra l'unica e sempre mobile aspirazione alla verità, sia pur con l'aggiunta di sbagliare sempre e in eterno, e mi dicesse: scegli, io mi getterei umilmente in ginocchio alla sua sinistra e direi: Padre, dammi questa! La verità pura è riservata a te soltanto!". 

Ilario Bertoletti



Vuoi ricevere altri spunti didattici selezionati dalla nostra redazione per te?
Aderisci al progetto "INSEGNARE RELIGIONE"

Modulo di adesione

Se vuoi condividere questa iniziativa gratuita con i colleghi, invitali a compilare il modulo di adesione.  

 






1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati
IL SITO “La Scuola.it”
Titolare del Trattamento
Editrice La Scuola S.p.A. con sede in
Via Antonio Gramsci, 26
25121 Brescia (Italia)
Tel. +39 030 2993.1
Fax +39 030 2993.299

COOKIE POLICY
Come impieghiamo i Cookie
I cookie sono piccole stringhe di testo che il browser memorizza quando l’utente visita un determinato sito internet, incluso il nostro. I cookie sono generalmente utilizzati dai siti internet per migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente, consentendo al sito web di riconoscerlo, sia per la durata della visita (utilizzando un cookie di “sessione” che sarà cancellato alla chiusura del browser) sia in caso di successive visite (utilizzando un cookie “permanente”).
Per sapere di più sui cookies, per favore visitate il sito web dedicato, che trovate di seguito riportato accanto al paese di origine:
Italia: Your Online Choices www.youronlinechoices.com/it/
Altri: All About Cookies www.allaboutcookies.org
Il provvedimento generale dell'Autorità Garante della privacy (GU n. 126 del 3 giugno 2014) ha definito due tipologie di cookie:
Cookie tecnici - Impiegati per permettere la trasmissione di una comunicazione, per condurre un servizio richiesto dall'utente o per effettuare ricerche statistiche sull'impiego del sito web.
Cookie di profilazione - Impiegati per registrare il comportamento di un utente e le preferenze manifestate al fine di inviargli messaggi pubblicitari in linea con i suoi interessi.
In riferimento al suddetto provvedimentoLaScuola.it utilizza le seguenti tipologie di Cookie:

Tecnici
Permettono il funzionamento di alcune parti del sito. Le loro finalità riguardano il mantenimento di una sessione attiva tra l’utente e il sito e la preferenza della lingua scelta dall’utente. Questi cookie vengono memorizzati all’interno del browser, è possibile cancellare o disabilitare la ricezione di questi cookie, compromettendo le funzionalità di alcuni servizi del sito web. Per l’utilizzo di questi cookie non è necessario ottenere il consenso da parte dell’utente.

Analytics
Google Analytics è uno strumento gratuito di analisi web di Google che consente di raccogliere informazioni relative alle pagine visitate, al tempo trascorso sul sito, al modo in cui il sito è stato raggiunto. Questi dati permettono di segnalare le tendenze dei siti web senza identificare i singoli visitatori. Per utilizzare questi cookies l’utente deve manifestare il proprio consenso, esprimendolo semplicemente proseguendo la navigazione del sito cliccando fuori dal banner che LaScuola.it presenta al primo accesso. Google Analytics utilizza i suoi cookies di proprietà. Puoi scoprire di più sulla privacy policy di Google visitando il sito: http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/
E’ possibile annullare l’uso di Google Analytics in relazione all’utilizzo sul nostro sito scaricando e installando il Browser Plugin disponibile tramite questo link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it

Cookie di profilazione
Si tratta di cookies di terze parti che permettono di raccogliere le informazioni relative alle preferenze degli utenti mentre navigano in internet, registrare quando gli annunci vengono visti, la reazione degli utenti e le loro conseguenti azioni e controllare il rendimento delle campagne. Tale servizio, implementato su questo sito, impiega cookies di terze parti, di seguito elencati insieme alle rispettive privacy policy, nella quale vengono fornite ulteriori informazioni:
- DoubleClick, link: http://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- AddThis, link: http://www.addthis.com/privacy/privacy-policy/it/
- BlueKai, link: https://www.oracle.com/it/legal/privacy/marketing-cloud-data-cloud-privacy-policy.html
- Turn Inc. link: http://www.amobee.com/trust/consumer-opt-out
- Site Scout, link: http://www.sitescout.com/opting-out

Come impedire l'impiego dei cookie
In riferimento ai Cookie di terza parte utilizzati dal sito, si rimanda alla politica del fornitore raggiungibile dal link sopra indicato per le informazioni sulla loro disabilitazione.
Altro metodo per gestire i cookie è la modifica delle impostazioni del browser impiegato. La maggior parte dei browser internet, infatti, è configurata di default per accettare i cookie. È possibile tuttavia disabilitare il loro impiego o controllare quali di essi possano essere utilizzati o meno. Di seguito vengono riportati i link alle descrizioni sul come gestire i cookie sui più comuni web browser:
Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Ricordiamo che disabilitare i cookie di navigazione o i cookie funzionali, può limitare il servizio da noi offerto o i contenuti del sito stesso.

Modifiche a questa policy
Editrice La Scuola si riserva la facoltà di modificare questa informativa secondo quanto si renderà necessario. Vi invitiamo a controllare questa pagina periodicamente nel caso vogliate tenere sotto controllo i cambiamenti.