news

HOME > NEWS

924
  9  Primaria   6  Primaria - Approfondimenti   1  Primaria - BES   2  Tutte le news  

Impatto dei Bes sugli insegnanti: una ricerca

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Approfondimento di Michela Carbonari, Università degli studi di Macerata
Questo approfondimento riporta una indagine (Giaconi, Pompei 2014) condotta a livello nazionale con 80 insegnanti della scuola dell’infanzia e della scuola primaria, 80 insegnanti della scuola primaria di primo grado e 80 insegnanti della scuola secondaria di secondo grado  per rilevare quale sia l’impatto dei BES sugli insegnanti. 

Nell’anno scolastico 2013-2014 sono state condotte delle interviste per apprezzare l’impatto della questione dei B.E.S. nei docenti italiani dei diversi ordini scolastici (Giaconi, Del Gobbo, 2014). Sono stati intervistati 80 insegnanti della scuola dell’infanzia e della scuola primaria, 80 insegnanti della scuola primaria di primo grado e 80 insegnanti della scuola secondaria di secondo grado. Dall’analisi delle interviste sono state individuate tre categorie dominanti di docenti relative alla loro percezione rispetto alla tematica e alla normativa sui BES:
  • Docenti non a conoscenza della tematica BES.
  • Docenti a conoscenza della tematica BES, ma che non attivano quanto indicato nella circolare di riferimento.
  • Docenti a conoscenza della tematica BES che si attivano secondo quanto indicato dalla circolare MIUR.
In termini di percentuali è emersa la situazione di seguito rappresentata nella Fig 1



Dai risultati si evince che al di là del 16,67% dei docenti non a conoscenza dell’argomento, la maggior parte delle scuole (55,55%) di fronte all’emergere di nuove richieste da parte del MIUR in tema di BES, vive in un forte clima di disorientamento, mentre al contrario, alcune realtà scolastiche, se pur in percentuale minore, (27,78%) ha affrontato la tematica sui BES in termini progettuali e si sono attivate assumendosi il carico e le responsabilità della sperimentazione.

Molte sono le perplessità e le problematiche che animano i docenti appartenenti alla seconda categoria e che hanno generato in loro diversi interrogativi. In particolare dalle interviste sono emerse diverse criticità:
-   la carenza di competenze specifiche da parte dei docenti del Consiglio di classe  nell’assumersi la responsabilità di definire gli alunni come BES;
-   l’assenza di indicazioni e criteri oggettivi definiti a livello nazionale da utilizzare per evitare discrezionalità e approssimazione;
-   il rischio di medicalizzare dei semplici problemi educativi e di etichettare delle normali differenze individuali;
-   il rischio di aumentare con l’introduzione del termine BES le etichette nelle quali incasellare e stigmatizzare gli alunni con difficoltà di apprendimento;
-   la scarsa utilità di elaborare un piano didattico personalizzato che spesso non è coerente con la programmazione di classe;
-   la mancanza di un’adeguata ed efficace azione formativa sulle tematiche connesse agli alunni con BES che preveda strade di intervento sostenibili da un singolo docente in classi numerose e specialmente singolari.

La terza categoria di insegnanti mostra un atteggiamento positivo nei confronti dei BES e delle indicazioni operative necessarie per promuovere l’inclusione scolastica. I docenti riferiscono che la normativa in sé non è una totale novità e vuole essere un’arma in più in mano all’insegnante per affrontare le molteplici e sempre maggiori difficoltà presenti nella classe. La questione sollevata anche da questo secondo gruppo è l’artificiosità di molti piani didattici personalizzati che non riescono a passare dalla “carta” alla classe”. Come non riescono a passare alla pratica quotidiana, molti aspetti, se pur giustamente evidenziati, di teorizzazioni sulla didattica inclusiva.
Dalla ricerca è emerso che i docenti, se pur con atteggiamenti diversi rispetto a questa disposizione sui B.E.S., sono accomunati da un pensiero: la necessità di ripensare a un lavoro sui BES sostenibile in classe.
In questa direzione, riteniamo importante partire dal ripensare il momento stesso della progettazione: una progettazione che, grazie alle tecnologie, permetta di realizzare, all’interno di un percorso olistico pensato per la classe, sentieri di personalizzazione e quindi vie per una reale inclusione (Rossi in Perla, 2013; Giaconi in Perla, 2013).

da Scuola Italiana Moderna, 2014







1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).