news

HOME > NEWS

936
  2  Tutte le news  

Pro-vocati dalla vicenda di Rozzano

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Della vicenda di Rozzano, in questi giorni si è già molto letto e scritto.
Ma qual è questa vicenda?
Pare che il previsto concerto natalizio della scuola primaria previsto per il 21 dicembre p.v. sia stato spostato al 21 gennaio, per poter evitare qualsiasi associazione dell’evento al Natale e al carattere confessionale della festa. Peraltro, la scuola è fin da ora già abbondantemente decorata con addobbi natalizi politically correct, compreso un bel Babbo Natale (anzi, tre) rappresentati secondo quella che ormai, dalle raffigurazioni di Thomas Nast in poi, è la sua consueta iconografia.
Il ‘pare’ deriva dal fatto che, al di là delle tante ricostruzioni a posteriori e a latere proposte dalla stampa, è difficile risalire alla fonte di quanto accaduto (si tratta di scelte tempestive –o intempestive- del dirigente? È vero invece che lo spostamento  del concerto fu deliberato in Consiglio di Istituto fin da settembre? Si è trattato di un ‘no’ restituito alla disponibilità di due genitori che volevano insegnare ai bambini le canzoni della tradizione cristiana del Natale o di un ‘no’ al Natale tout court?). La storia che dà origine e prepara a scelte ed azioni, per comprenderne il senso non andrebbe mai trascurata e solo chi l’ha vissuta può testimoniarla fino in fondo. Neanche tracce documentali vengono in nostro aiuto, dal momento che la sezione ‘Circolari’ del sito dell’istituto Garofani è, fatta salva l’ultima, la N.7 ‘Natale e dintorni’ nella quale il Dirigente commenta l’accaduto, vuota come un frigorifero dopo le vacanze.
Non è la prima volta che l’annoso dibattito sul rapporto laicità-festività-integrazione-multicultura  prende forma nelle scelte di un Istituto Scolastico che sono, ricordiamolo, autonome nel rispetto dei vincoli di Legge, primi fra tutti quelli stabiliti dalla Costituzione (artt. 3, 8, 19, 33…). Le scelte progettuali, organizzative e culturali che descrivono il profilo identitario delle scuole sono presentate nel Piano dell’Offerta Formativa.
La lettura del P.O.F. dell’Istituto Garofani[1], purtroppo, non ci aiuta a dirimere la questione: come spesso accade è uno spazio documentale dove si salva tutto, rischiando di non salvare nulla. Sì, perché nel prendere una decisione, nel fare delle scelte, occorre che le ragioni siano fondate, argomentate, chiare nelle loro matrici e fedeli ad esse. Se nel P.O.F. si parla di ‘comunità straniera’ per definire tutto ciò che non è italiano, (rischiando di fare di tutta l’erba un fascio), o di ‘un’ottica di multiculturalità sempre più europea’ (cambiando forse i termini del centrismo rispetto al passato, ma non cambiandone la natura centralista), in un mélange tra inserimento ed integrazione, omogeneità e valorizzazione delle differenze, è difficile poi, all’atto della scelta, avere riferimenti chiari, se non certi, e i punti d’inciampo si presentano come amplificati.
Queste le parole dalla viva voce del Dirigente, in risposta alle domande di un giornalista: «Non credo che sia un passo indietro il fatto di rispettare la sensibilità di persone che appartengono ad altre culture e ad altri credo religiosi. Non mi pare che sia un passo indietro, mi pare che sia un passo in avanti verso l’integrazione e il rispetto reciproco. Certamente se noi avessimo organizzato un concerto a base di canti religiosi dopo quello che è accaduto [i fatti di Parigi, n.d.r.] forse qualcuno poteva interpretarla come una provocazione, forse anche pericolosa.»[2]
Colpisce, e positivamente, il termine ‘provocazione’. È una parola dal significato molto bello, soprattutto in questi tempi, soprattutto pensando a esseri umani dotati di ragione e responsabilità: provocare significa chiamare ad un confronto,  a mettersi in gioco, a non evitare il contatto con quanto non rientra nel mio campo cognitivo o nei miei schemi. Ciò che è bello provoca, ciò che è vero, o ciò che viceversa ci costringe a capire e rendere più chiaro ciò che è vero, e bello, e buono per noi.
Provo a farmi provocare dalla non provocazione del Capo d’istituto: cosa succederebbe se andassimo a fondo della linea di condotta che egli ci indica? Non potremmo, certo, ammirare la Pietà di Michelangelo, perché il soggetto è religioso, ma neanche Il Pensatore di Rodin, icona laica, perché, in origine, esso rappresentava Dante in meditazione innanzi all’abisso dell’Inferno. Non potremmo godere di un Messiah di Haendel, e nemmeno della domanda disperata e autentica di un’Alda Merini, o di un Montale, dove l’aconfessinalità non è mai una censura alla ricerca del senso religioso dell’esistenza umana.
Allora il problema non è la provocazione, ma che cosa farsene; ovvero scegliere la possibilità di incontrare la realtà nell’umiltà del riconoscere che essa è sempre molto più ricca del nostro sguardo su di essa –come una provocazione ricevuta può farci scoprire- ma anche nella consapevolezza che ciò che la tradizione consegna nelle nostre mani è a sua volta occasione per altri di lasciarsi provocare, e perciò di allargare il campo di coscienza. Questa è la strada dell’integrazione.
Altrimenti, caro Dirigente, non andrà bene neanche l’auspicata e teoricamente neutra Festa d’Inverno perché, sa, potremmo urtare la sensibilità culturale di molte persone dal momento che in tanti Paesi l’Inverno non c’è, né, di questi tempi, c’è molto per cui festeggiare.
 
 
Cristina Casaschi 
30-11-2015 







1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).