news

HOME > NEWS

915
  9  Primaria   6  Primaria - Approfondimenti   2  Tutte le news  

Inside Out: emozioni al cinema

01/01/2012 (FACOLTATIVA)


È attraente e seduttivo Inside Out, il nuovo bellissimo film della Pixar, così capace di suscitare un unanime entusiasmo che ne parlano tutti. Toccando sapientemente le corde giuste sa infatti commuovere e divertire, ammicca ai grandi e ai piccini con riferimenti studiati per i diversi target di età. La vicenda che fa da sfondo è ormai nota: Riley, felice bambina di undici anni, si trova a fronteggiare il disagio di un trasferimento legato alle vicende lavorative di suo padre. Ma chi sono i veri protagonisti del film? Ce lo chiediamo perché se apparentemente si tratta di Riley e della sua famiglia, in realtà le vere protagoniste sono le cinque emozioni che si agitano nella sua testa: Gioia, Tristezza, Paura, Rabbia e Disgusto.
 

Possiamo a questo punto decidere se lasciarci emozionare (appunto) dal film e farci ammaliare dalla sua godibilità oppure se fermarci un attimo a chiederci che idea di bambino, e di uomo, vi è sottesa. La bambina – intesa come essere pensante - è inesistente, così ridotta a poco più di un cyborg, una macchina certo perfettamente funzionante, ma pur sempre una macchina. Un involucro, carino e dolce, ma incomprensibile dall’esterno, da quell’Out così distinto dall’Inside. Le emozioni non sono altro che puri dispositivi di comando che le fanno adottare un comportamento piuttosto che un altro, la manovrano come un videogioco con il joystick. Quel che manca è il pensiero.
 

Riportiamo due pareri diversi, apparsi nelle settimane scorse su “Avvenire”; la prima di un autorevole letterato, Alessandro Zaccuri:

 

"[…] Come altri capolavori Pixar, prima fra tutti la trilogia di Toy Story, anche Inside Out è un racconto di formazione, sia pure mascherato sotto le mitologie spicciole della nostra tarda modernità. La tecnologia anzitutto, che presta al film la metafora centrale della cabina di controllo da cui agiscono le emozioni. Basta poco, però, per accorgersi che la dinamica è la stessa di un mythos in ogni senso classico. Ricordate l’auriga nel Fedro di Platone? La biga trainata da due cavalli, quello nero rappresenta l’attrazione per il mondo sensibile, quello bianco è l’aspirazione all’iperuranio, sede delle idee incorrotte. A tenere le redini è la mente o, meglio, l’anima razionale.


Il cartoon della Pixar rivendica la convinzione che per evitare che le emozioni prendano il sopravvento, è necessario che le emozioni stesse vengano educate. Parliamo di educazione, termine non esattamente amato dall’industria dell’intrattenimento globale, ma che da sempre riveste un ruolo centrale nella straordinaria vicenda creativa e imprenditoriale della Pixar. Fateci caso. I bambini dei film realizzati da John Lasseter e dalla sua allegra combriccola sono davvero bambini: la deliziosa Boo di Monsters & Co., l’imbranatissimo Russell di Up e via elencando. Compresa Riley, certo, colta nella fase delicatissima in cui non si è più piccoli e non si è ancora grandi.
 

Rappresentazioni realistiche e affettuose, che nascono dalla semplice circostanza per cui alla Pixar lavorano padri e madri di famiglia. Le storie che raccontano sono sempre, in qualche modo, storie di casa. Lo conferma la dedica che appare quasi in sordina fra i titoli di coda di Inside Out, meravigliosamente contraddittoria nell’esprimere l’augurio – questo sì irrazionale – che figli e figlie “possano non cambiare mai”. Il film che abbiamo appena visto dimostra il contrario, e cioè che per crescere si cambia, appunto, e che per cambiare si rinuncia a qualcosa. Per esempio alla prepotente purezza delle emozioni, al posto della quale subentra una nuova, affascinante forma di intelligenza, basata sul negoziato continuo delle emozioni tra loro e delle emozioni stesse con il pensiero razionale. Una lezione che, con un’intuizione memorabile, la sceneggiatura affida al personaggio di Bing Bong, l’amico immaginario che ha accompagnato Riley per tanti anni. Nel momento del pericolo, questo essere fantomatico – parte elefante, parte gatto, parte zucchero filato – decide di sacrificarsi per la salvezza della ragazzina. La sua è una scelta nella quale ragione e sentimento sono ormai indistinguibili. Così si comporta l’amore, ma prima di imparare anche questo Riley dovrà crescere ancora un po’. "
 

Luigi Ballerini, psicanalista e scrittore, dalle colonne dello stesso giornale, la pensa diversamente:
 

"Non c’è pensiero in questa infanzia, e nemmeno in questa umanità. Tanto è vero che cani e gatti, nei godibilissimi titoli di coda, sono descritti muoversi secondo gli stessi identici meccanismi. Quindi emozioni-istinti che regolano il moto degli esseri animati, indistintamente. Ecco l’errore dei creativi della Pixar, che non fanno altro che registrare e amplificare un’idea diffusissima nel nostro mondo: ritenere che le emozioni siano forze e non forme. Le emozioni non sono elementi autonomi che tirano la giacca dei nostri comportamenti, ma sono le forme che assumono i nostri pensieri. È proprio il pensiero il grande assente di questo film e la sua assenza segna la sconfitta dell’infanzia. Il bambino che si arrabbia, che gioisce, che ha paura, che si rattrista e che scarta qualcosa lo fa sempre perché ha pensato. In Inside Out i pensieri sono rappresentati correre su un treno, nessuno sa dove viene e dove va, soprattutto è un treno che di notte si ferma.
 

Ma cosa sarebbero i sogni se non proprio il nostro pensiero che, restiamo pure nella metafora del treno, viaggia libero di notte, per andare dove vuole e costruire immagini magari bizzarre, ma sempre sensate? Questa concezione dell’infanzia, così spensierata, non rende giustizia ai bambini e apre la porta alla questione della gestione delle emozioni, al loro equilibrio reciproco: delle forze così potenti, e soprattutto così capaci di vita propria, devono necessariamente essere controllate e incanalate. Della rabbia ci sarà pertanto solo il problema della sua gestione, della strategia per contenerla, non l’analisi del perché è venuta e che cosa l’ha suscitata. Viene in questo modo escluso anche il giudizio, quella potente attività del pensiero che individua cosa è accaduto, se ne fa un’idea e permette di concludere. Povera Riley, è condannata a essere una bambina senza pace, perché la pace ha a che fare con il pensiero-giudizio e la conclusione. Godiamoci pure il film, ma non guardiamo, anzi non pensiamo così i nostri bambini. Sarebbe davvero una riduzione. Loro, e noi, siamo molto di più di un fascio di pure emozioni."








1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).