news

HOME > NEWS

1103
  3  Dal Gruppo   41  Press Area  

COMUNICATO STAMPA

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Costituito un gruppo di lavoro per approfondire l’uso corretto del linguaggio di genere e la trasmissione della cultura di genere nei saperi scolastici.

L’Associazione Italiana Editori (AIE) è una delle associazioni che hanno aderito all'invito della Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, di partecipare alla costituzione dell’Osservatorio Nazionale per il monitoraggio e la promozione di iniziative sulla parità tra i sessi e il contrasto della violenza contro le donne, istituito dal MIUR nell'autunno scorso.
“La volontà di partecipazione di AIE”, ha detto il presidente AIE Ricardo Franco Levi, “deriva dal fatto che, da quasi vent’anni, si è dotata di un codice di autoregolamentazione denominato POLITE (Pari Opportunità nei LIbri di TEsto) che a distanza di tanto tempo è ancora di grande attualità”.
Alla luce delle riforme introdotte, delle iniziative intraprese dal MIUR e dell'accresciuta sensibilità nel Paese su queste tematiche, AIE ha deciso di costituire un gruppo di lavoro per approfondire una riflessione sull’uso corretto del linguaggio di genere nei libri di testo e sulla trasmissione della cultura di genere nei saperi scolastici, considerato che il progetto POLITE era nato con l'intento di non essere definitivo, ma di rappresentare un percorso di ricerca destinato a continuare nel tempo attraverso una lettura critica del presente.
Il documento finale sarà condiviso con la professoressa Cecilia Robustelli, docente della cattedra di linguistica italiana presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, che è consulente per il MIUR su queste tematiche e ha partecipato attivamente al gruppo di esperti che hanno realizzato i Vademecum I e II del 1999 e del 2001 del Progetto POLITE, sintesi di una enorme ricerca finanziata dal Dipartimento delle Pari Opportunità e coordinato, per AIE, dalla professoressa Ethel Serravalle.
“Apprezzo molto”, ha commentato la Ministra Fedeli, “la decisione dell'AIE di partecipare alla costituzione dell’Osservatorio Nazionale per il monitoraggio e la promozione di iniziative sulla parità tra i sessi e il contrasto della violenza contro le donne. E di mettere in condivisione, in questo modo, il proprio contributo alla riflessione sul linguaggio di genere nei libri di testo. Una riflessione che l’AIE porta avanti con grande responsabilità e spirito di servizio da anni e che come Ministero abbiamo sostenuto e promosso, cercando di coinvolgere quanti più soggetti possibili della nostra società e della comunità educante per incidere in maniera capillare e significativa nel percorso di istruzione e formazione delle nuove generazioni. È un tema importante, come evidenziato nelle Linee Guida ‘Educare al rispetto: per la parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le forme di discriminazione’, emanate lo scorso ottobre dal MIUR. Una questione che ci vede impegnati, come MIUR, con convinzione su più fronti. Sono certa che la competenza e la sensibilità sempre dimostrate dall'AIE sulle pari opportunità contribuiranno anche in questa occasione al cambiamento culturale di cui tutte e tutti abbiamo bisogno”.






1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).