news

HOME > NEWS

898
30/09/2015   41  Press Area  

Il Sinodo e le attese del laicato

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Alla vigilia della nuova sessione del Sinodo sulla Famiglia un volume di Fulvio De Giorgi in cui lo studioso si fa portavoce di molte attese diffuse nel laicato.
E afferma:
“Sarebbe veramente deludente se  – dopo tanto lavoro e due Sinodi – la situazione ecclesiale segnasse il passo, permanendo  su posizioni  maturate in un contesto storico che ormai non esiste più”.


             Sinodo
 
Nell’imminenza della nuova sessione del Sinodo sulla famiglia che sta suscitando il più vasto interesse, non sono solo cardinali e vescovi di differenti orientamenti a far sentire le loro voci.
Anche molti  laici hanno cominciato ad intervenire. Offrendo riflessioni chiare sui problemi al centro del nuovo appuntamento ecclesiale e manifestando apertamente le loro attese.
Con il volume Più coraggio! Chiesa, famiglie, sessualità (La Scuola, 192 pagine, € 12,90), entra nel vivo del dibattito lo storico Fulvio De Giorgi, che in queste pagine  esprime il suo pensiero come studioso, ma anche – come precisa il vescovo Carlo Ghidelli nella prefazione – come “credente, sposo, padre..”, pronto ad offrire “il frutto di un discernimento comunitario”.

Un libro coraggioso, che non esita a indicare formulazioni del Catechismo (del 1992) “che appaiono contraddire (invece di accompagnare con simpatia e far crescere) la famiglia coniugale intima”e che chiede “più coraggio” ai Padri sinodali.
Nessuna delle tematiche che saranno oggetto del prossimo Sinodo viene qui evitata:  vissuti familiari, pastorale dei divorziati risposati e loro eventuale ammissione all'eucarestia, contraccezione, questione di genere, omosessualità,ecc.

L’autore affronta ogni argomento con un approccio che vuole evitare le secche della sterile contrapposizione rigoristi/lassisti o conservatori/progressisti, offrendo una base culturale nuova per affrontare quelle che ritiene scelte non più procrastinabili. Una base radicata nella consapevolezza che, con l'esplosione demografica del XX secolo, per la prima volta dopo millenni, l'umanità non è più a rischio di estinzione. Un dato che finisce per provocare un cambiamento antropologico-culturale profondo, non reggendo più quelle travature culturali millenarie che erano necessarie per un'antropologia che salvaguardasse la sopravvivenza della specie e quindi difendesse, in tutti i modi, la procreazione. Questo epocale cambio culturale mette la Chiesa davanti alla necessità di scelte nuove e difficili. Insomma, i grandi cambiamenti – storici globali, demografici, economico,sociali – insieme ai mutamenti dei paradigmi culturali che l’umanità sta vivendo, aprono scenari inediti che sfidano la Chiesa cattolica.
Ecco perché nel suo “Più coraggio. Chiesa, famiglie, sessualità”, l’autore – da tempo impegnato nella pastorale familiare – propone l’assunzione di scelte innovative  – che portino, in fedeltà al Vangelo, al Concilio Vaticano II e al magistero di Papa Francesco, in modo sereno e fecondo, ad una nuova “era cristiana”. Le dispute sinodali sono lette, in positivo, come il travaglio di un parto, che condurrà alla nascita di un modo nuovo di essere Chiesa.
Un libro che chiede coraggio e nutre fiducia.

Commenta De Giorgi “Sarebbe veramente deludente se – dopo tanto lavoro e due Sinodi – la situazione ecclesiale segnasse il passo, permanendo su posizioni maturate in un contesto storico che ormai non esiste più”. “Non è che se la Chiesa di oggi cresce e cambia, questo vuol dire che la Chiesa di ieri sbagliava. La Chiesa di ieri faceva ciò che, in quel momento, era giusto (e che era, a sua volta, una crescita rispetto ad un momento storico precedente)”, osserva lo studioso. E aggiunge: “Ma non ci si può fermare: saremmo morti e non vivi. Ovviamente il nostro DNA (il deposito della fede) resta sempre lo stesso. Ma, per la Chiesa, crescere vuol dire essere ancor più fedele al Vangelo. Un di più di Vangelo”.

L’autore:
Fulvio De Giorgi
è professore ordinario di Storia dell’educazione/Bioetica e Teorie e metodi educativi/Storia culturale dell’educazione presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. La sua ricerca scientifica ha come criterio metodologico la prospettiva della storia dell’educazione come storia culturale. Collabora all’attività dell’Archivio per la storia dell’educazione in Italia (Brescia). Tra i suoi numerosi lavori ricordiamo: Mons. Montini. Chiesa cattolica e scontri di civiltà nella prima metà del Novecento (il Mulino, 2012), La Controriforma come totalitarismo. Nota su Croce storico (Morcelliana, 2013) e Paolo VI.
Il papa del moderno
.
Per Editrice La Scuola ha curato: Maria Montessori. Dio e il bambino e altri scritti inediti (2013) e Papa Francesco. La mia scuola (2014).
 







1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).