news

HOME > NEWS

850
18/05/2015   3  Dal Gruppo   41  Press Area  

Valutazione del dirigente scolastico

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

La valutazione dei “risultati” dell'azione amministrativa e gestionale del dirigente si effettua tenendo conto della specificità sia delle molte funzioni attribuite, connesse alle tipiche responsabilità giuridiche della dirigenza, sia della complessità dell'istituzione scolastica, densa anche di altre titolarità provvedimentali (organi collegiali) che pure incidono, e in profondità, nel tessuto scolastico; la valutazione dell'operato del dirigente è una valutazione di risultato inteso nei suoi risvolti amministrativi, atti e provvedimenti amministrativi per la cura degli stati giuridici del personale e del patrimonio; negoziali, contratti, convenzioni, reti, associazioni, accordi di programma, etc.; contrattuali, attuazione degli istituti della contrattazione nazionale e d'istituto; ed infine tecniche, apprendimenti e competenze degli allievi. In sostanza valutare il dirigente significa tout court valutare la scuola, perché, a parere di chi scrive, esiste uno stretto rapporto, certamente non deterministico, tra qualità della scuola e qualità del dirigente.
 
Un possibile modello di valutazione

Per dettato legislativo ciascun dirigente dovrà essere valutato attraverso apposite «verifiche» di un «nucleo di valutazione istituito presso l'amministrazione scolastica regionale, presieduto da un dirigente e composto da esperti anche non appartenenti all'amministrazione stessa» (art. 25, comma 1, D. Lgs n. 165/2001).          
Il Ministero dell'Istruzione, in applicazione della norma appena citata e dell'art. 20 del ccnl 2002/2005 - Area V, ha sperimentato negli anni scolastici 2003/2004 - 2004/2005 e 2005/2006 un modello di valutazione, denominato SIVADIS (Sistema di Valutazione dei Dirigenti Scolastici), che ha fornito utili dati conoscitivi, anche critici, sul processo valutativo. Nel 2009 l'INVALSI ha presentato una nuova proposta per la valutazione dei dirigenti scolastici. Lo scopo della valutazione, che dovrà ispirarsi a principi di equità di trattamento, di trasparenza delle procedure, di oggettività dei criteri di valutazione e di riconoscimento delle specifiche condizioni operative, è duplice: aiutare i dirigenti a identificare i punti di forza e i punti critici del servizio scolastico ed a migliorare il governo della scuola.
Punto di partenza del processo valutativo dovrà essere la documentazione prodotta da ciascuna scuola: il Piano dell'Offerta, il Programma annuale, le Relazioni al Consuntivo e al Programma annuale, la Carta dei servizi, i Regolamenti interni, le buone pratiche di valutazione e di autovalutazione.
Oggetto di valutazione dovranno essere le prestazioni del dirigente scolastico che si traducono nella «definizione di un piano di miglioramento della scuola e nella sua messa in opera in modo efficace ed efficiente» sulla base di obiettivi negoziati tra il dirigente della scuola e il direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale (cfr. INVALSI, La valutazione dei dirigenti scolastici, in www.invalsi.it, pp. 21-22). Gli obiettivi affidati al dirigente scolastico sono obiettivi di sistema e si distinguono in obiettivi di missione, prioritari ed ineludibili per lo sviluppo del sistema educativo, e in obiettivi di leadership, cioè di sviluppo organizzativo di facile controllo da parte del dirigente medesimo.
Il team o nucleo di valutazione è disciplinato dall'art. 20 del ccnl - Area V; ed è composto da un dirigente tecnico, un dirigente amministrativo e un dirigente scolastico. La disposizione rispetta quanto dettato dall'art. 25, comma 1, del D. Lgs n. 165/2001 che fa riferimento a nuclei di valutazione regionali ed alla loro composizione tripartita.
    
Il modello di valutazione proposto dall'Invalsi non è stato tuttavia avviato perché si era in attesa dell'emanazione di norme regolamentari sia sulla «valutazione esterna della scuola, da effettuare periodicamente» sia sul come «valutare … i dirigenti scolastici» da parte del contingente «ispettivo, autonomo e indipendente» (art. 2, comma 4 - noves decies, L. n. 10/2011). Ora, le norme sulla valutazione esterna e periodica sono state emanate con D.P.R. n. 80/2013; mancano a tutt'oggi quelle sulla valutazione della dirigenza.
Il disegno di legge su “La Buona scuola”, nella sua versione originaria, recava delega al Governo per l'emanazione di un decreto legislativo su taluni aspetti della dirigenza tra cui “la valutazione dei dirigenti e la valutazione del merito” (D.L. n. 2994, art. 21, comma 2, lett. d). Nel testo tuttavia inviato alla Camera dalla VII Commissione permanente (Cultura Scienza e Istruzione) la disposizione citata, ovvero la lett. d), è stata soppressa.
 
Prospettiva

La valutazione del dirigente slitta quindi nei tempi attuativi. In attesa delle norme regolamentari, si può riflettere sul sistema dei principi che dovranno presiedere e plasmare l'azione di verifica, anche capitalizzando l'esperienza maturata nella fase sperimentale dei modelli di valutazione. Così, a parere di chi scrive, sarà importante per il legislatore tenere per fermi questi principi certamente importanti, se non decisivi per una corretta e produttiva valutazione dell'operato dirigenziale: a) comunicazione trasparente, nel senso che il dirigente deve conoscere in anticipo i criteri di valutazione; b) partecipazione, nel senso che il dirigente deve essere coinvolto nel processo, mediante condivisione di regole valutative, autovalutazione e colloqui o ascolti; c) crescita professionale, nel senso che la valutazione individua punti di debolezza nell'azione per migliorarla e traiettorie di sviluppo/accrescimento della leadership; d) merito, nel senso che la valutazione premia la qualità del risultato; e) complessità, nel senso della consapevolezza della natura articolata dell'unità scolastica nella quale agiscono soggetti individuali e collegiali che influenzano l'efficacia del servizio di istruzione e formazione.

Alcune note sulla valutazione del docente






1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).