news

HOME > NEWS

642
  3  Dal Gruppo  

Scholé 2014, il cinquantatreesimo convegno dei pedagogisti: “L’educazione nella crisi del Welfare State”

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Scholé: il cinquantatreesimo convegno dei pedagogisti  
“L’educazione nella crisi del Welfare State”
Il 4 e 5 settembre 2014 Brescia è tornata capitale della pedagogia, con il cinquantatreesimo convegno di Scholé che ha richiamato, a fianco di relatori illustri, un centinaio di studiosi provenienti dai maggiori atenei italiani
 
Cosa significa, nell’odierno contesto civile, educare, insegnare ed apprendere? Cercare una risposta concreta – gettando le basi per una riflessione sull'auspicata “rivoluzione” dell’attuale sistema scolastico italiano – è stata la mira della cinquantatreesima edizione del convegno «Scholé», promosso dall’Editrice La Scuola nelle giornate del 4 e 5 settembre 2014 presso il Centro “Mater Divinae Gratiae” di Brescia.
Si sono alternati alla tavola rotonda Luciano Pazzaglia, Anna Mariani (chairman), Maddalena Colombo, Gaetano Mollo (chairman), Carlos Alberto Torres, Carlo Lottieri, Luigi Pati (chairman), Giuseppe Bertagna, Chiara Gemma, Vanna Iori e Milena Santerini.
 
Un centinaio di pedagogisti e di storici dell’educazione hanno preso in esame le ricadute sulla dimensione educativa e scolastica delle trasformazioni socio-politiche in corso. «La scelta di questo tema  - ha spiegato lo storico delle istituzioni scolastiche Luciano Pazzaglia, nonché segretario generale di Scholé – è dipesa certamente dalla constatazione delle gravi difficoltà che a causa della crisi economica il welfare va sempre più incontrando, ma anche dalla consapevolezza di un appannamento che sembra colpire la proposta “neoliberale”».

A tenere la prima relazione del Convegno è stata la sociologa Maddalena Colombo che, con la relazione sulle “Dinamiche sociali ed educazione in Italia dopo la crisi del Welfare”, ha fatto riflettere sui nessi tra politiche di welfare e politiche educative per sottolineare processi in atto e conseguenze sulle persone, a seguito del tracollo finanziario che ha toccato le economie occidentali ed ha messo sotto pressione, in particolar modo, il modello di spesa sociale adottato dall’Unione europea.

A seguire, il celebre sociologo dell’educazione Carlos Alberto Torres – collaboratore di Paulo Freire, con il quale ha fondato l’omonimo Istituto di Sao Paulo (Brasile) – con il proprio saggio “I processi educativi nell’era della globalizzazione” (del quale alleghiamo in calce un estratto) ha posto l’accento su di una globalizzazione troppo spesso omologante, alla quale ha contrapposto invece un multiculturalismo in grado di valorizzare la differenza e un’educazione emancipatrice, capace di fornire gli strumenti per costruire autonomamente un presupposto di libertà; scevra da quella “conoscenza colonizzante” che non offre alcuna possibilità di riscatto (come evidenzia il nuovo volume Globalizzazioni e educazione. Classe, etnia, genere e Stato, pp. 352, € 19.50).

Carlo Lottieri, autore, giornalista e filosofo liberale, ha chiuso la prima giornata del convegno con una relazione intitolata “Cultura liberale ed educazione”. Definendo il liberalismo come «una forma di resistenza della società civile all’emergere dello Stato moderno», deciso a «promuovere forme di educazione libere e volontarie, spendendosi per porre forme alternative di istruzione, anche nella definizione dei programmi», ha delineato come «esprimersi pienamente, riallargare gli spazi dell’esistenza educativa, è oggi la sfida più grande».

Infine, la tavola rotonda di Scholé si è riunita attorno al tema «Mondi vitali, democrazia, scuola: quali politiche?».
A prendervi parte sono stati Giuseppe Bertagna – direttore del dipartimento di Scienze umane e sociali dell’Università di Bergamo – secondo il quale «il sistema scolastico in atto va cambiato senza tradire il passato, ma assumendolo nel basarsi su pilastri saldi quali democrazia, poliarchia, mercato, rapporto inter-generazionale, nuove tecnologie e soprattutto lavoro: il vero giacimento educativo»; Chiara Gemma – professore associato alla Facoltà di Scienze dell’Educazione di Bari – ha puntato su «un nuovo metodo, che vede nella valorizzazione dello studente il proprio fulcro: investirlo di nuove responsabilità, ascoltare la sua voce significa cogliere l’occasione di far vivere una democrazia attiva»;  Vanna Iori – onorevole, professore ordinario di discipline pedagogiche – ha invece insistito sul «welfare solidaristico, basato sulla priorità delle relazioni rispetto all’economia, costruito secondo un’etica dello sguardo e su priorità viste come un investimento, non più come un costo»; Milena Santerini – onorevole, professore ordinario di Pedagogia – la quale ha parlato di «giustizia educativa», sottolineando le idee guida per una nuova politica della cultura: «uguaglianza, comunità educativa e cittadinanza».


Interviste ai relatori:

Luciano Pazzaglia
Maddalena Colombo
Carlos Alberto Torres
Carlo Lottieri 


 


DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO ESPRIMI IL TUO PARERE

MI INTERESSA
NON MI INTERESSA
VORREI APPROFONDIRE





56
video
Intervista Luciano Pazzaglia
//www.youtube.com/embed/hovsDxUHTnY" frameborder=
x
57
video
Intervista Maddalena Colombo
//www.youtube.com/embed/6w5bSSZmrXg" frameborder=
x
58
video
Intervista Carlos Alberto Torres
//www.youtube.com/embed/6QVpUk-hgSM" frameborder=
x
59
video
Intervista Carlo Lottieri
//www.youtube.com/embed/LeM__5_UVng" frameborder=
x
5

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).