news

HOME > NEWS

534
01/04/2014   3  Dal Gruppo  

Parlare di Dio: “impossibile”, ma necessario

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Quanto è attuale parlare di Dio? Andrea Aguti – autore di Filosofia della religione –, monsignor Giacomo Canobbio e il professore Oreste Tolone l’hanno fatto, seduti attorno ad un tavolo per il ciclo I Lunedì della “Scuola”. Sollevando temi, perplessità e speranze che richiamano profondamente, da sempre, la natura essenziale dell’Uomo.

“Inattuale è considerare la religione nell’ambito della riflessione, e non del sentimento – ha evidenziato Canobbio –, quando oggi ognuno sceglie il proprio Dio, mentre il linguaggio del ‘sentire’ è diventato pervasivo. Questa ‘costruzione privata’ nega ogni valore veritativo alla religione stessa”.
Considerando che “il Dio personale” è emerso nella nostra società come esito del pensiero post-moderno, per emanciparsi da una religione troppo dottrinaria (“anche se – ha commentato il monsignore – quest’ultima esiste solo nella mente e nei libri degli accademici: c’è sempre stato ampio spazio alle devozioni, in tutte le religioni”), il paradossale risultato di un’‘intimità forzata’, della “privatizzazione” della devozione, è stata una dispersione delle radici del culto, indebolendo i germogli del credo.
“La religione ha a che fare con Dio e con i suoi attributi – ha proseguito Canobbio – conoscibili in forma analogica. L’apertura a Dio come meta alla quale si può giungere con verità comunicabile e condivisibile è l’unico presupposto per trovare una koinè. Non esiste infatti dialogo senza un orizzonte di verità”.
 
Se, per il monsignore, “chiudere gli occhi della mente nel dire sì a Dio” è un atto che porta alla cecità interiore, il professor Tolone ha ammesso come il “pudore del pensiero verso l’oggetto della riflessione” lo spinga a ritenere la “soluzione poetico-mitico-sapienziale” come più appropriata rispetto ad una rigorosa ratio.
“Di quale filosofia abbiamo bisogno?”, si è chiesto Tolone, prendendo atto che “la filosofia della religione è il momento nel quale la ragione fa l’estremo sforzo per superare sé stessa”, disciplina liminare al limite delle proprie possibilità.
Sin dalla notte dei tempi, il dibattito tra chi sostiene che in queste speculazioni la ragione incontri l’infinito o soltanto il proprio riflesso è acceso. Ed oggi vi si aggiunge lo spettro dello “scientismo”, delle neuroscienze che analizzano il cervello per trovarvi spiegazioni onnicomprensive (“la biologia di Dio – ha commentato il professore – non è più utopia”), unitamente al problema dell’esperienza religiosa come postulato: qualcosa che non si spiega, ma si fa. “Come dialogare, allora – ha domandato Tolone – con i tanti ‘indifferenti’ di oggi, con coloro i quali credono che la religione sia qualcosa di anacronistico? Rafforzare la ‘dimensione antropologica’ della religione stessa permette di intendersi dovendo ancora acquisire un assunto di base. Consci solo dell’esistenza di quell’‘impronta di Dio’ intrinseca nell’Uomo”.
 
Anche se parlare di “distanti”, di “indifferenti”, per l’autore del testo che ha suscitato il dibattito è punto di discussione. “La diminuzione della religione a livello mondiale non esiste – ha ribadito Aguti –, secondo le statistiche sono 700milioni le persone che si dichiarano atee: per le altre, il culto ha un perché. Dalla privatizzazione della religione stiamo tornando ad un ritorno di quest’ultima nella sfera pubblica, ed è chiaro come la devozione non sia un fenomeno residuale, o semplicemente accademico. La religione è viva, è un mezzo per padroneggiare la contingenza, è quel qualcosa che offre una promessa di salvezza”.
‘Come’ parlare di Dio resta tuttavia il nodo della questione, e per l’autore “sollevare la religione dal piano meramente sentimentale ed esperienziale è necessario”; serve quindi razionalità, i cui contorni si definiscono attorno ad una discussione che “non sia arbitraria, soggettiva, opinionista”.
Nondimeno, la filosofia della religione deve restare, secondo l’autore, dottrina analitica, non giustificativa: “proprio il ‘principio di credulità’ afferma che le nostre credenze, ad un primo livello, non hanno bisogno di una giustificazione, e non servono dunque necessariamente filosofi per parlare di Dio”.
 
Ma quel dialogo serrato con l’infinito – anche quando lo si vuole escludere, pur nel momento della sua stessa negazione, sino al dubbio che non sia altro se non un brillante monologo – resta. Ed alla domanda “quale futuro per le religioni?”, si è risposto con decisione che i credo non evaporeranno tra secolarizzazione e indifferenza. Poiché, ha concluso Aguti, “non parlare di Dio appiattisce la vita”.

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO ESPRIMI IL TUO PARERE

MI INTERESSA
NON MI INTERESSA
VORREI APPROFONDIRE





1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).