news

HOME > NEWS

878
29/06/2015   41  Press Area  

La Grande Guerra: vittime e conseguenze

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Lo scoppio della prima guerra mondiale nel 1914 segnò la fine della Belle Époque: un lungo periodo di pace, di stabilità politica e di sviluppo economico della storia europea.
Le radici del conflitto sono da ricercare innanzitutto nel ruolo preponderante della Prussia nella creazione dell'Impero tedesco, nelle concezioni politiche di Otto von Bismarck, nelle tendenze filosofiche prevalenti in Germania e nella sua situazione economica, uniti al desiderio della Germania di assicurarsi sbocchi commerciali nel mondo.

Prima guerra mondialeDirettamente collegati ad essi i problemi etnici interni all'Impero austro-ungarico e alle ambizioni indipendentiste di alcuni popoli che ne facevano parte, il timore che la Russia generava oltre frontiera soprattutto nei tedeschi, la paura che tormentava la Francia fin dal 1870 di una nuova aggressione che aveva lasciato una forte animosità verso la Germania, l'evoluzione diplomatica del Regno Unito, che passò da un atteggiamento di isolamento a una politica di attiva presenza in Europa, la crisi dell’Impero ottomano, acuita dalle guerre balcaniche del 1912-13 e dal Trattato di Bucarest, che spinse la Turchia a stringere più saldi legami con l’Austria. Sin dall’epoca di Bismarck, i governi tedeschi aspiravano al controllo della Mitteleuropa (l’area centro-europea) e perseguivano una politica economica espansionista. Fra il 1887 e il 1912 il volume del commercio tedesco era più che raddoppiato, crescendo a un ritmo superiore a quello degli altri Paesi industrializzati. Inoltre l’accresciuta presenza economica della Germania nell’area balcanica e nel Medio Oriente preoccupava non solo gli Inglesi, ma anche i Russi, per i loro forti interessi in quelle zone. Tutte le potenze industriali avevano necessità di espandere il proprio mercato e di garantirsi il rifornimento delle materie prime. A questo scopo avevano creato dei grandi imperi coloniali, che occorreva difendere e possibilmente espandere. Perciò nacquero motivi di conflitto laddove le zone d’influenza non erano ben definite e dove si delineava la possibilità d’incremento delle attività commerciali da parte di un altro Paese.

Attentato di Sarajevo
Oltre a ciò, sin dai primi anni del Novecento, in larghi strati della popolazione si diffusero atteggiamenti favorevoli alla guerra.
La scelta dei governi di dichiarare la guerra o di entrare nel conflitto già in atto fu facilitata dal nazionalismo dilagante, dalle tesi razziste sulla salvaguardia dell’identità nazionale, dall’applicazione del darwinismo alle relazioni internazionali, cioè dalla convinzione che la guerra tra gli Stati fosse l’equivalente della lotta per la sopravvivenza nella natura, dal fatto che molti giovani vedessero nella guerra l’unica possibilità di cambiamento della situazione sociale e politica, l’occasione che avrebbe consentito loro di realizzarsi.
 
In una simile situazione internazionale, fu  sufficiente una “scintilla” per far esplodere il conflitto: il 28 giugno 1914, un nazionalista serbo, Gavrilo Princip, uccise a Sarajevo l‘erede al trono d’Austria , l’arciduca Francesco Ferdinando e sua moglie, mentre erano in visita alla città (allora appartenente all’Impero austro-ungarico).  L’attentato era stato preparato a Belgrado e il governo serbo, secondo gli Austriaci, non aveva
fatto nulla per impedirlo. In realtà l’Austria approfittò del grave fatto di sangue per motivare un’aggressione militare alla Serbia e risolvere finalmente la questione balcanica.
 
Il 23 luglio l’Austria inviò alla Serbia un ultimatum che richiedeva entro 48 ore e conteneva richieste deliberatamente umilianti che il governo serbo non poteva accettare, perché avrebbe, di fatto, rinunciato alla piena sovranità sul proprio territorio. Di conseguenza, il 28 luglio, l’Austria dichiarò guerra.

Per appVilfredo Pareto - La Prima guerra mondiale. Le cause, le conseguenze - Editrice La scuolarofondire, proponiamo due saggi di Vilfredo Pareto, raccolti nel volume:
La Prima guerra mondiale. Le cause, le conseguenze (clicca sull'immagine per consultare la scheda catalogo completa).

Stesi tra il marzo 1915 e il luglio 1918, ci restituiscono due rigorose analisi, condotte da un maestro della sociologia , che portano a conclusioni sorprendenti per la capacità di lettura delle dinamiche storiche e di previsione degli sviluppi.






1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati
IL SITO “La Scuola.it”
Titolare del Trattamento
Editrice La Scuola S.p.A. con sede in
Via Antonio Gramsci, 26
25121 Brescia (Italia)
Tel. +39 030 2993.1
Fax +39 030 2993.299

COOKIE POLICY
Come impieghiamo i Cookie
I cookie sono piccole stringhe di testo che il browser memorizza quando l’utente visita un determinato sito internet, incluso il nostro. I cookie sono generalmente utilizzati dai siti internet per migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente, consentendo al sito web di riconoscerlo, sia per la durata della visita (utilizzando un cookie di “sessione” che sarà cancellato alla chiusura del browser) sia in caso di successive visite (utilizzando un cookie “permanente”).
Per sapere di più sui cookies, per favore visitate il sito web dedicato, che trovate di seguito riportato accanto al paese di origine:
Italia: Your Online Choices www.youronlinechoices.com/it/
Altri: All About Cookies www.allaboutcookies.org
Il provvedimento generale dell'Autorità Garante della privacy (GU n. 126 del 3 giugno 2014) ha definito due tipologie di cookie:
Cookie tecnici - Impiegati per permettere la trasmissione di una comunicazione, per condurre un servizio richiesto dall'utente o per effettuare ricerche statistiche sull'impiego del sito web.
Cookie di profilazione - Impiegati per registrare il comportamento di un utente e le preferenze manifestate al fine di inviargli messaggi pubblicitari in linea con i suoi interessi.
In riferimento al suddetto provvedimentoLaScuola.it utilizza le seguenti tipologie di Cookie:

Tecnici
Permettono il funzionamento di alcune parti del sito. Le loro finalità riguardano il mantenimento di una sessione attiva tra l’utente e il sito e la preferenza della lingua scelta dall’utente. Questi cookie vengono memorizzati all’interno del browser, è possibile cancellare o disabilitare la ricezione di questi cookie, compromettendo le funzionalità di alcuni servizi del sito web. Per l’utilizzo di questi cookie non è necessario ottenere il consenso da parte dell’utente.

Analytics
Google Analytics è uno strumento gratuito di analisi web di Google che consente di raccogliere informazioni relative alle pagine visitate, al tempo trascorso sul sito, al modo in cui il sito è stato raggiunto. Questi dati permettono di segnalare le tendenze dei siti web senza identificare i singoli visitatori. Per utilizzare questi cookies l’utente deve manifestare il proprio consenso, esprimendolo semplicemente proseguendo la navigazione del sito cliccando fuori dal banner che LaScuola.it presenta al primo accesso. Google Analytics utilizza i suoi cookies di proprietà. Puoi scoprire di più sulla privacy policy di Google visitando il sito: http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/
E’ possibile annullare l’uso di Google Analytics in relazione all’utilizzo sul nostro sito scaricando e installando il Browser Plugin disponibile tramite questo link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it

Cookie di profilazione
Si tratta di cookies di terze parti che permettono di raccogliere le informazioni relative alle preferenze degli utenti mentre navigano in internet, registrare quando gli annunci vengono visti, la reazione degli utenti e le loro conseguenti azioni e controllare il rendimento delle campagne. Tale servizio, implementato su questo sito, impiega cookies di terze parti, di seguito elencati insieme alle rispettive privacy policy, nella quale vengono fornite ulteriori informazioni:
- DoubleClick, link: http://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- AddThis, link: http://www.addthis.com/privacy/privacy-policy/it/
- BlueKai, link: https://www.oracle.com/it/legal/privacy/marketing-cloud-data-cloud-privacy-policy.html
- Turn Inc. link: http://www.amobee.com/trust/consumer-opt-out
- Site Scout, link: http://www.sitescout.com/opting-out

Come impedire l'impiego dei cookie
In riferimento ai Cookie di terza parte utilizzati dal sito, si rimanda alla politica del fornitore raggiungibile dal link sopra indicato per le informazioni sulla loro disabilitazione.
Altro metodo per gestire i cookie è la modifica delle impostazioni del browser impiegato. La maggior parte dei browser internet, infatti, è configurata di default per accettare i cookie. È possibile tuttavia disabilitare il loro impiego o controllare quali di essi possano essere utilizzati o meno. Di seguito vengono riportati i link alle descrizioni sul come gestire i cookie sui più comuni web browser:
Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Ricordiamo che disabilitare i cookie di navigazione o i cookie funzionali, può limitare il servizio da noi offerto o i contenuti del sito stesso.

Modifiche a questa policy
Editrice La Scuola si riserva la facoltà di modificare questa informativa secondo quanto si renderà necessario. Vi invitiamo a controllare questa pagina periodicamente nel caso vogliate tenere sotto controllo i cambiamenti.