news

HOME > NEWS

716
17/11/2014   3  Dal Gruppo  

"I filosofi dicono la verità?"

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

"I Filosofi dicono la verità?"

A partire dagli ultimi lavori di Renato Pettoello (Leggere Kant, Editrice La Scuola) Enrico Berti (La ricerca della verità in filosofia, Studium) e Salvatore Natoli (Il linguaggio della verità, Morcelliana) l’Editrice si è chiesta, insieme agli Autori, come la philosophía affronti lo sterminato campo della veritas.
Fra teorie, postulati e indagini epistemologiche senza tempo – poiché in grado di investire appieno anche i meccanismi sociali odierni, spesso bloccati nella dicotomia tra relativismo assoluto e assiomi dogmatici –, per il ciclo I Lunedì della "Scuola" ci si è interrogati sulla necessità di guardare oggi alla Filosofia come risorsa contro una progressiva “perdita di senso”.
E' dunque possibile seguire fiduciosi le orme dei filosofi per dare un nome, un volto, una direzione a ciò che, in pratica, si traduce nel concreto “desiderio della felicità”, intesa come pieno sviluppo della persona umana?

“Dipende innanzitutto cosa si intende per ‘verità’ – ha esordito Berti – e non è ovviamente cosa facile. Tuttavia, la concezione a mio avviso più convincente è quella di stampo classico (quella, per intenderci, di Platone ed Aristotele prima, e di Tommaso d’Aquino poi) che intende la verità come una proprietà del pensiero e del discorso, come conformità. Tutto il contrario di ciò che pensano i filosofi odierni, i quali concepiscono la verità come corrispondenza tra mondo esterno e mente”.
Se, secondo l’autore, non esisterebbe un'unica Verità, poiché ce ne sono diverse in atto (quella dell’arte, della fede, della poesia, verità di ragione, di fatto, verità scientifiche, storiche…), di quale verità si occupa la Filosofia?
“Il filosofo deve anzitutto conoscere le verità ‘altre’, che comunicano cose molto importanti all’uomo, e tenerne conto, concentrandosi poi su quelle ‘cause’ che danno una spiegazione adeguata ai suoi tanti ‘perché’. La Filosofia, in questo senso, è un discorso ulteriore, metafisico; occorre che si accontenti di poco, non può difatti spiegare tutto: è umile. Ricordiamoci, infine, di non sovra-determinare il concetto stesso di verità: questa ha a che fare con i dati, con l’esperienza concreta, ed il fatto che spesso non si riesca a decifrare un evento non ne mina per questo la verità, ma dimostra soltanto che il mondo non si spiega da sé, ha bisogno di qualcosa che vada oltre, che lo trascenda”.

Il mondo, dunque, ha bisogno più che mai di Filosofia. “Perché la verità ha perso la sua assolutezza”, ha commentato Natoli; “oggi, infatti, sono altamente improbabili proposizioni assolute/definitive che stanno alla base del reale. Non per questo si cade però nell’arbitrio (tutto vale, quindi niente vale alcunché): esistono verità sotto condizione, vale a dire tipologie di verità, con i propri statuti, i propri confini”.
L’autore ha poi colto il legame nascosto tra Filosofia e verità, in una visione ermeneutica tutt’altro che appianante: “il problema della verità sorge a fronte di un ‘no’, quando si logorano le certezze. Nella dialettica tra ‘essere’ e ‘apparire’, i fatti ci sfumano ed abbiamo bisogno di teorie per capirli; a questo punto, mentre la scienza parla per caratteristiche cumulative, la Filosofia attua una dialettica confutatoria, formando ‘scarti di verità’. Essa, in sintesi, porta in radicalizzazione questioni di squilibrio e dissidenza”.
Qual è, quindi, il gioco della verità? “E’ un gioco ampio – ha risposto Natoli – ma non arbitrario: proprio per questo la Filosofia è feconda, e fa come Socrate che, a fronte di certezze, getta dubbi. La Filosofia, insomma, è come l’uomo secondo Qoelet: incapace di congiungere l'inizio con la fine, dunque originariamente posto nell'oltre”.

Concludendo: i filosofi dicono o no la verità?
“Non lo so, di certo riflettono molto – ha risposto ironicamente Pettoello – elaborando diverse teorie, nessuna delle quali mi convince appieno. Sicuramente la Filosofia deve misurarsi con i saperi particolari, con le scienze. Possiamo, in questo campo, fare diversi esempi fondanti – dalle geometrie non euclidee, alla relatività di Einstein, sino alla meccanica quantistica –, volti a ‘sconvolgere’ la nostra percezione dello spazio, facendoci chiedere ‘esiste una vera geometria?’. Ecco: può oggi la Filosofia esimersi dal condividere queste teorie?”.
Pur pensando ad una Filosofia, per così dire, ‘impegnata’, pare però che si sia giunti ad un’impasse. “Dalla quale si può uscire – ha spiegato l’autore – soltanto tramite una concezione funzionalistica del reale: non esiste, quindi, una realtà data ma la verità si costruisce secondo i nostri modelli e le nostre teorie. Ha senso parlare di verità solo nei propri campi, settori nei quali si definiscono le varie realtà ed i relativi criteri. Se è vero ciò che diceva Hegel – il quale sosteneva che conosciamo solo relazioni, non oggetti – appare sempre più evidente la necessità di servirsi di precise teorie di riferimento: indispensabili affinché i fatti, i dati, acquistino senso”. 

I Lunedì della “Scuola” e i prossimi incontri

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO ESPRIMI IL TUO PARERE

MI INTERESSA
NON MI INTERESSA
VORREI APPROFONDIRE





1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).