news

HOME > NEWS

747
  9  Primaria   6  Primaria - Approfondimenti   10  Secondaria 1° grado   12  Secondaria 1° grado - Approfondimenti   14  Secondaria 2° grado   16  Secondaria 2° grado - Approfondimenti   2  Tutte le news  

Cinquant’anni di Bruner

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

imgLe cadenze anniversarie aiutano a cogliere alcuni passaggi storici. Questo è precisamente il caso delle traduzioni di due testi che, cinquant’anni or sono, tra il 1964 e il 1965, aprirono la via a nuovi assetti pedagogici e scolastici.

Il primo era il fortunatissimo libro di Jerome S. Bruner [wikipedia], Dopo Dewey. Il processo di apprendimento nelle due culture nel quale lo studioso americano anticipava una teoria dell’istruzione, poi ampiamente presentata in un successivo volume, Verso una teoria dell’istruzione (in Italia nel 1967).

Il secondo, dovuto a David Cram, presentava al pubblico italiano le macchine per insegnare e i fondamenti dell’istruzione programmata. Dietro Cram stava Burrhus F. Skinner i cui testi non erano stati ancora tradotti (solo nel 1970 apparirà da noi La tecnologia dell’insegnamento).

Tra Bruner e Cram/Skinner – come è ben noto – correva profonda distanza: il primo affidava al metodo della scoperta e alla padronanza della struttura disciplinare la costruzione personale della conoscenza e puntava sul potenziamento della capacità cognitiva dell’allievo; i secondi concepivano l’apprendimento come l’esito di nuove associazioni tra stimoli e comportamenti di risposta, rafforzati da ripetuti e adeguati rinforzi e si affidavano all’efficacia dei piani curricolari e dell’organizzazione scolastica.

Bruner e Cram/Skinner erano tuttavia accomunati dal superamento della pedagogia attivistica ritenuta ormai inadeguata rispetto alle esigenze della società industriale avanzata. La tecnologia molto più sofisticata che in passato, l’attribuzione di un particolare valore dell’efficienza, una organizzazione economica basata sui consumi e stili di vita scanditi in modo sempre più incisivo dalla variabile temporale rendevano ormai obsoleti l’ottimismo deweyano e il puerocentrismo ginevrino. I riti educativi imperniati sul binomio bisogni-interessi appartenevano insomma a un passato ormai consumato. Più in generale emergeva una spinta a rendere più “produttivo” il lavoro scolastico e, al tempo stesso, a sottrarre la scuola a precostituiti presupposti ideali.

Da quel momento gli scaffali delle librerie si riempirono di opere psicopedagogiche e organizzativo-manageriali anglosassoni, scalzando gradualmente, ma irreversibilmente, la pedagogia europea, in specie quella francofona. Non solo Bruner e Skinner, ma anche – per citare solo i più noti – Benjamin S. Bloom, James H. Block, Robert M. Gagné, Joy Paul Guilford, Joseph J. Schwab, Lawrence Stenhouse si apprestarono a diventare precisi punti di riferimento.

Tematiche come quelle dell’istruzione programmata e del mastery learning, delle pratiche del team teaching e dell’organizzazione curricolare nonché le nuove prospettive tassonomiche entrarono a vele spiegate, in qualche caso anche senza troppo vaglio critico, nel dibattito pedagogico italiano. Si verificò in tal modo un sostanziale “riposizionamento” della pedagogia italiana, sempre più soggetta all’influenza anglosassone. Per quanto Dewey avesse conquistato nel decennio precedente un posto di tutto rilievo, non era tuttavia riuscito a occupare il centro della scena pedagogica.

Quello che non era riuscito allo studioso della Columbia riuscì invece ai teorici della programmazione e del curricolo. In poco tempo la tradizione pedagogica italiana finì nel dimenticatoio: la “tuttologia” della scuola elementare e la centralità della persona che apprende furono rapidamente liquidate in nome dell’allievo “cognitivo”. Un’ondata di discredito travolse non solo Giovanni Gentile e i suoi sodali (senza ricordare che con la loro visione culturale “alta” della pedagogia e della scuola ci avevano salvati a suo tempo dal peggiore positivismo), ma sulle migliori esperienze realizzate nel nostro Paese in nome dell’attivismo scese l’ombra dell’oblio.

Sarebbe poi toccato, per una curiosa giravolta del destino, proprio a uno studioso statunitense, Howard Gardner, riportare al centro dell’attenzione internazionale alcune esperienze d’avanguardia della pedagogia italiana.

Il funzionalismo tecnocratico condizionato dalle leggi dell’efficienza produttivistica che oggi furoreggia dietro la spinta delle regole europee arriva dunque da lontano. Forse sarà il caso di tenerne conto.

Giuseppe Richiedei

***

Da NS 5, gennaio 2015, pp. 6-7






1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).