news

HOME > NEWS

358
  3  Dal Gruppo  

FOCUS - Non facciamo della scuola media il capro espiatorio

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

di Pierpaolo Triani*

E’ davvero curioso il modo con cui si dibatte in Italia sulla ‘scuola media’ in Italia. Ogni tanto viene posta sotto i riflettori dell’opinione pubblica per ricordarne la debolezza e la problematicità, per essere poi, rapidamente, ricollocata in una zona d’ombra in attesa di una nuova e fugace collocazione (probabilmente con toni negativi) sulle prime pagine dei giornali.
Non è stato sufficiente un intero rapporto della Fondazione Agnelli per dare maggiore consistenza e concretezza al dibattito pubblico; anche i tentativi di alcune realtà (come ad esempio Scuola e Didattica) di rilanciare un confronto sul tema che durasse oltre l’attimo sono caduti nel vuoto. Perché accade questo?
La ragione risiede nel fatto che è semplice riconoscere nella ‘scuola media’ dei punti di debolezza, tante sono le problematicità che in essa si intrecciano, di ordine metodologico, organizzativo, psicologico. E’ un bersaglio facile. Allo stesso tempo, proprio per la sua complessità, essa richiede che i nodi siano affrontati con un sguardo di insieme che richiede ricerca, riflessività, investimenti; ecco allora che si rifugge presto dal cercare soluzioni.
Se si vuole dare una direzione al dibattito, perciò, diventa importante condividere almeno alcune condizioni su cui basare un ‘ripensamento’ costruttivo della scuola secondaria di primo grado. Ne ricordo quattro
La prima è quella di smettere di fare della scuola media il capro espiatorio delle difficoltà che riguardano il sistema formativo italiano nella sua ampiezza. Se gli adulti italiani risultano i meno formati dei Paesi Ocse è alquanto semplificatorio attribuire la causa alla scuola media unica.
La seconda è quella di riconoscere il lavoro, spesso silenzioso, che le scuole hanno svolto in questo e cominciare a fare tesoro e far circolare meglio le esperienze di innalzamento della qualità che ci sono e si stanno tentando.
La terza condizione è di porre al centro l’esigenza di una maggiore flessibilità dell’impianto organizzativo con l’annesso problema dell’investimento di risorse in questa direzione; senza un lavoro in questa direzione appare alquanto difficile operare verso una didattica personalizzata, sempre più richiesta dalle famiglie, dagli studi e dalle indicazioni ministeriali.
La quarta condizione è quella di investire sulla dimensione collaborativa del profilo dell’insegnante della scuola media. E’ ancora troppo, soprattutto nel senso comune, una visione individualistica dell’insegnamento che vede al centro il singolo insegnante e la sua disciplina. Per rispondere alla promessa non ancora realizzata di una scuola capace di sostenere gli apprendimenti di ciascuno, soprattutto di quelli che partono con situazioni di svantaggio, occorre una più stretta collaborazione educativa, che non può basarsi solo sulla buona volontà dei singoli.

* Professore associato di Didattica Generale presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore; Direttore di "Scuola e Didattica”.






1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).