news

HOME > NEWS

685
  5  Primaria - News mondo scuola   10  Secondaria 1° grado   11  Secondaria 1° grado - News mondo scuola   14  Secondaria 2° grado   15  Secondaria 2° grado - News mondo scuola   2  Tutte le news  

Le 100 proposte per la scuola di Confindustria

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

La scuola lascia sempre e comunque un’eredità, nella vita delle imgsingole persone, delle famiglie, delle organizzazioni. Sono lasciti immateriali ma ben riconoscibili. Intrecciati tra loro raccontano la storia di un Paese, la sua qualità complessiva, le sue possibilità civili ed economiche, individuali e collettive.

I segni che lascia la scuola italiana di oggi sono al contempo il riflesso e la sagoma originale del nostro Paese, perché la scuola plasma una comunità e al tempo stesso ne è fortemente condizionata. Ciò che appare delle nostre istituzioni educative è un insieme di non facile lettura, un disegno un po’ frutto del caso, con macchie di colore, schizzi innovativi ed evidenti segni di arcaicità.

Forse non piacerà, ma la scuola siamo noi italiani, né più, né meno. Nel viaggio in Italia che Confindustria compie da anni con la sua rete di Associazioni, di imprenditori, esperti, affezionati collaboratori, insegnanti, presidi, giovani, abbiamo visto tanta stanchezza e disincanto, negli studenti come negli operatori.

Abbiamo ascoltato un’equivalente voglia e impegno a cambiare.
Si conducono molti esperimenti, cantieri con prove ed errori, nella speranza di innovare in meglio e per dare un significato al proprio lavoro. Ci sono nelle categorie professionali della scuola grandi valori e disponibilità, qualità e modernità. Questi convivono con gravi inadeguatezze, delusioni e demotivazioni.

Gli studenti e gli operatori condividono spazi e tempi della scuola. Hanno finito per maturare un rapporto fondato troppo spesso sulla routine, la noia per un modello vecchio e che impone un ruolo passivo a entrambi i lati della cattedra.

C’è molto entusiasmo nei tanti casi di volontariato di successo, retti ai limiti del sacrificio individuale. Si opera in scuole vecchie e pericolose. Tutto è mescolato, trattato, considerato e retribuito nello stesso modo, in un ambiguo egualitarismo che ha alimentato molta mediocrità.

Un sistema dominato dal caso che ti entusiasma una volta con un educatore straordinario, ti punisce un’altra con un insegnante del tutto inadeguato. La scuola è oggi un’istituzione delle differenze, il paradigma della lotteria che il cittadino italiano gioca spesso con il mondo pubblico, scuola e sanità in primis.

Il sistema di istruzione in Italia non è più la leva perequativa che livella le differenze e mobilita le migliori risorse. Al contrario è diventato motore di divaricazione delle opportunità. Chi ha di più alla partenza, molto spesso termina il proprio percorso educativo con ancora più patrimonio. Chi aveva meno, aumenta il proprio distacco dagli altri.

Giocarsi ai dadi il proprio destino scolastico è inaccettabile socialmente, nonché antieconomico. L’esito del proprio percorso di studi non può essere determinato in partenza dal migliore capitale culturale famigliare.

Abbiamo in dotazione un sistema d’istruzione cresciuto lungo un percorso fatto di mille frammenti di riforma dall’alto e di spinte all’autoriforma dal basso. Occorre ridare forma a questa strana chimera istituzionale. Il nostro vuole essere un contributo per cucire in una visione di respiro ampio tante pezze di diversa foggia e colore. Si percepisce viaggiando dentro il mondo dell’istruzione come questa sia oggi un’assoluta necessità. Nelle aule e alle porte della scuola quest’attesa si vive anche con rabbia, ma sempre con grande disponibilità a innovare. La seconda inerzia da vincere è che è netta la sensazione che un’istituzione generatrice dei necessari mutamenti strutturali della società contemporanea, sia stata per troppo tempo ai margini dell’interesse sostanziale della politica. Cucire finalmente un abito alla scuola e vincere le inerzie e gli arcaismi dei tanti conservatori con una proposta innovativa e qualificante, sono gli obiettivi cui il sistema Confindustria vuole contribuire.

Con la “Buona scuola” il Governo ha presentato dopo molti anni una proposta che ha molti contenuti innovativi. È un’appassionante base di discussione. In questo percorso di cambiamento che il mondo dell’educazione si accinge a cominciare, la voce delle imprese deve essere ascoltata.

Da
Le Cento Risposte di Confindustria

www.confindustria.it







1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati
IL SITO “La Scuola.it”
Titolare del Trattamento
Editrice La Scuola S.p.A. con sede in
Via Antonio Gramsci, 26
25121 Brescia (Italia)
Tel. +39 030 2993.1
Fax +39 030 2993.299

COOKIE POLICY
Come impieghiamo i Cookie
I cookie sono piccole stringhe di testo che il browser memorizza quando l’utente visita un determinato sito internet, incluso il nostro. I cookie sono generalmente utilizzati dai siti internet per migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente, consentendo al sito web di riconoscerlo, sia per la durata della visita (utilizzando un cookie di “sessione” che sarà cancellato alla chiusura del browser) sia in caso di successive visite (utilizzando un cookie “permanente”).
Per sapere di più sui cookies, per favore visitate il sito web dedicato, che trovate di seguito riportato accanto al paese di origine:
Italia: Your Online Choices www.youronlinechoices.com/it/
Altri: All About Cookies www.allaboutcookies.org
Il provvedimento generale dell'Autorità Garante della privacy (GU n. 126 del 3 giugno 2014) ha definito due tipologie di cookie:
Cookie tecnici - Impiegati per permettere la trasmissione di una comunicazione, per condurre un servizio richiesto dall'utente o per effettuare ricerche statistiche sull'impiego del sito web.
Cookie di profilazione - Impiegati per registrare il comportamento di un utente e le preferenze manifestate al fine di inviargli messaggi pubblicitari in linea con i suoi interessi.
In riferimento al suddetto provvedimentoLaScuola.it utilizza le seguenti tipologie di Cookie:

Tecnici
Permettono il funzionamento di alcune parti del sito. Le loro finalità riguardano il mantenimento di una sessione attiva tra l’utente e il sito e la preferenza della lingua scelta dall’utente. Questi cookie vengono memorizzati all’interno del browser, è possibile cancellare o disabilitare la ricezione di questi cookie, compromettendo le funzionalità di alcuni servizi del sito web. Per l’utilizzo di questi cookie non è necessario ottenere il consenso da parte dell’utente.

Analytics
Google Analytics è uno strumento gratuito di analisi web di Google che consente di raccogliere informazioni relative alle pagine visitate, al tempo trascorso sul sito, al modo in cui il sito è stato raggiunto. Questi dati permettono di segnalare le tendenze dei siti web senza identificare i singoli visitatori. Per utilizzare questi cookies l’utente deve manifestare il proprio consenso, esprimendolo semplicemente proseguendo la navigazione del sito cliccando fuori dal banner che LaScuola.it presenta al primo accesso. Google Analytics utilizza i suoi cookies di proprietà. Puoi scoprire di più sulla privacy policy di Google visitando il sito: http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/
E’ possibile annullare l’uso di Google Analytics in relazione all’utilizzo sul nostro sito scaricando e installando il Browser Plugin disponibile tramite questo link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it

Cookie di profilazione
Si tratta di cookies di terze parti che permettono di raccogliere le informazioni relative alle preferenze degli utenti mentre navigano in internet, registrare quando gli annunci vengono visti, la reazione degli utenti e le loro conseguenti azioni e controllare il rendimento delle campagne. Tale servizio, implementato su questo sito, impiega cookies di terze parti, di seguito elencati insieme alle rispettive privacy policy, nella quale vengono fornite ulteriori informazioni:
- DoubleClick, link: http://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- AddThis, link: http://www.addthis.com/privacy/privacy-policy/it/
- BlueKai, link: https://www.oracle.com/it/legal/privacy/marketing-cloud-data-cloud-privacy-policy.html
- Turn Inc. link: http://www.amobee.com/trust/consumer-opt-out
- Site Scout, link: http://www.sitescout.com/opting-out

Come impedire l'impiego dei cookie
In riferimento ai Cookie di terza parte utilizzati dal sito, si rimanda alla politica del fornitore raggiungibile dal link sopra indicato per le informazioni sulla loro disabilitazione.
Altro metodo per gestire i cookie è la modifica delle impostazioni del browser impiegato. La maggior parte dei browser internet, infatti, è configurata di default per accettare i cookie. È possibile tuttavia disabilitare il loro impiego o controllare quali di essi possano essere utilizzati o meno. Di seguito vengono riportati i link alle descrizioni sul come gestire i cookie sui più comuni web browser:
Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Ricordiamo che disabilitare i cookie di navigazione o i cookie funzionali, può limitare il servizio da noi offerto o i contenuti del sito stesso.

Modifiche a questa policy
Editrice La Scuola si riserva la facoltà di modificare questa informativa secondo quanto si renderà necessario. Vi invitiamo a controllare questa pagina periodicamente nel caso vogliate tenere sotto controllo i cambiamenti.